Skin ADV

Al via alla campagna nazionale d’informazione sull’epatite C

Apr 22 • NEWS PRO, PRIMO PIANO • 935 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone


Se ne parla poco, fin troppo. 
E’ una malattia complessa e molto più diffusa di quanto si creda e che può compromettere significativamente la qualità di vita di chi ne è colpito e di coloro che gli sono vicino, e la prevenzione rappresenta il più importante strumento di contrasto.
Nasce dunque il claim “Conoscila. Previenila. Affrontala.”  che sarà il laitmotif della campagna nazionale di informazione e sensibilizzazione “Una malattia con la C” promossa da AbbVie, con il patrocinio dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF), della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) e di EpaC Associazione Onlus. L’iniziativa si articola in una ampia campagna stampa su quotidiani e periodici, web e TV, con spot nelle principali reti per raggiungere il maggior numero di persone. Si può combattere solo ciò che si conosce.

Infatti ben 2 italiani su 3 ammettono una scarsa e inadeguata conoscenza dell’epatite C, un’infezione di cui non percepiscono la diffusione (solo il 26% pensa che le persone affette siano circa 1 milione e rispetto alla quale il 91% non sa che si manifesta senza sintomi evidenti. 

È quanto emerge da una ricerca realizzata da Doxa Pharma per AbbVie e illustrata in occasione della conferenza stampa di presentazione della Campagna al Ministero della Salute.

Dalle risposte fornite emerge come gli italiani non abbiano consapevolezza della progressione naturale di questa patologia osserva il Dott. Marco MarzioniSegretario AISF – L’assenza di sintomi evidenti è una delle ragioni alla base di questa percezione. Nel corso del tempo l’epatite C può portare a gravi problemi, tra cui danni al fegato, cirrosi, insufficienza epatica o epatocarcinoma, tumore del fegato.

Dal 15 aprile è online il sito web www.unamalattiaconlac.it dedicato all’approfondimento e al dialogo con i medici specialisti delle Società scientifiche AISF e SIMIT partner del progetto, attraverso il quale è possibile richiedere maggiori informazioni, porre quesiti e chiarire dubbi. Nel mese di giugno, inoltre, sarà disponibile un Numero Verde gratuito per una consulenza con gli specialisti delle società scientifiche e, attraverso la stessa linea, si potranno avere informazioni anche dai rappresentanti dell’Associazione Pazienti EpaC Onlus.

L’idea creativa.
Partendo dalla constatazione della necessità di stimolare una più profonda conoscenza dell’epatite C tra la popolazione, sì è scelto di affidare questo compito ad una bambina che scopre il padre affetto da una malattia a lei sconosciuta, “una malattia con la C”. Trovandosi alle prese con una realtà che non comprende fino in fondo, la bimba si interroga spinta dalla naturale tendenza verso la scoperta e l’apprendimento tipica della sua giovane età.
La metafora del bambino consente di trasmettere messaggi complessi legati alla malattia con un linguaggio non traumatico ed aggressivo, ma ugualmente in grado di catturare l’attenzione del pubblico adulto.

Raccontare la malattia attraverso gli occhi di un bambino che spia nella sua vita familiare in modo intimo e garbato, infatti, permette all’adulto di riconoscersi in quello sguardo, stimolando un bisogno di informazione e approfondimento.

Scarica la Ricerca Doxa Pharma.
04 Gli italiani e l’epatite C_slide Doxa Pharma

www.unamalattiaconlac.it
FAI IL TEST CLICCA QUI

Spot 30 ABBVIE

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »