Skin ADV

Al via oggi “Cerealia. Cerere e il Mediterraneo”

Giu 9 • NEWS PRO, PRIMO PIANO, SAPORI • 674 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Sarà il rito delle vestali ad inaugurare questo pomeriggio, all’Ara Pacis Augustae, nello stesso giorno in cui l’antica Roma celebrava la festa dei pistores: “Cerealia. Cerere e il Mediterraneo”, il festival culturale dedicato al mondo dei cereali, promosso da M.Th.I. e ArcheoClub d’Italia, sede di Roma, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Croazia, l’Ente del Turismo Croato, Casa Croata.
Inserita negli eventi di Expo Lazio 2015, Cerealia è una manifestazione dal respiro internazionale che punta all’interscambio culturale dei popoli del Mediterraneo.

Tema di questa quinta edizione, patrocinata da “Expo Milano 2015”, MIPAAF, MIBACT e Ministero degli Affari Esteri, è: “La donna e i cereali: i semi della vita”.

A costituire l’elemento “romano” che caratterizza ogni edizione della festa, gli antichi rituali delle Vestali e dei Ludi di Cerere, rievocati in forma scenica sulla scalinata esterna dell’Ara Pacis Augustae, di fianco alla fontana.

Alle ore 17:00, dunque, il rito della consacrazione a Vesta della mola salsa e, alle 18, all’interno dell’auditorium, la cerimonia ufficiale di apertura del festival con il passaggio del testimone tra Cipro e la Croazia. A seguire la conferenza: “Sulle sponde dell’Adriatico: i rapporti culturali e politici tra Italia e Croazia”. Protagonisti dell’evento l’ambasciatore croato Damir Grubisa e il presidente dell’Archeoclub d’Italia Romolo Augusto Staccioli.

Il Concerto offerto dall’Ambasciata della Repubblica di Croazia con le giovani interpreti Biljana Kovač (contralto) e Vedrana Kovač (pianoforte), chiuderà la cerimonia gemellata con il Festival delle IDI Adrianensi di Tivoli – Ass.ne Villa Adriana Nostra.

Cultura, ambiente, territorio, società, economia, alimentazione e turismo, saranno le tematiche affrontate dal festival, in programma fino al 12 giugno, attraverso convegni, performance artistiche, degustazioni, mostre, visite guidate e corsi di formazione professionale per giornalisti (il 10 giugno, alle 9, alla libreria L’Universale) e agronomi (11 giugno, ore 9,30, Museo di Porta San Paolo).

A far da cornice agli eventi non solo musei e siti archeologici di Roma, ma anche scuole di specializzazione, ristoranti, teatri e mercati contadini.

A spiccare, tra questi, oltre l’Ara Pacis Augustae, gli scavi di Ostia Antica, il Museo di Porta S. Paolo e l’area archeologica della Piramide di Caio Cestio. Seguono: il Centro Studi CTS, il Centro Culturale L’Universale e il Gustolab International Institute for Food Studies. Iniziative anche ai mercati contadini di Campagna Amica al Circo Massimo e Capannelle, alla Domus Romana e al Teatro Sala Uno.

Ad ospitare gli Show cooking dedicati alla pasta, al riso, al mais e ai cereali minori: Chinappi, Pasta Asciutta, Bibliothè e OneDayChef.

Altri appuntamenti, oltre che a Roma, saranno previsti anche a: Tarquinia (9-10-11 giugno), Vibo Valentia (9/12 giugno), Altino (20 giugno), Gualdo Cattaneo (21 giugno), Bovino (16 maggio), Minervino Murge (18/20 settembre).

Intento di Cerealia, nell’anno dell’Expo, quello di valorizzare la riscoperta dei territori e salvaguardare l’importanza della terra e delle culture autoctone.

Da qui la dedica degli organizzatori, insieme al Mercato Contadino Castelli Romani e Capannelle, al mugnaio Silvio Paoselli, morto suicida per difendere il suo mulino e la sua dignità di agricoltore.

Il programma dettagliato di Cerealia è disponibile sul sito del festival: www.cerealialudi.org

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »