Skin ADV

ASSOCAMERESTERO: 2016 ANNO DA RECORD PER L’EXPORT ITALIANO.

Feb 17 • MADE IN ITALY, MONDO E MERCATI, PRIMO PIANO • 210 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Italia batte la Germania e si piazza al primo posto per incremento delle vendite all’estero nel 2016 (+1,8% su base annua contro il +1,0% della Germania, nei dati destagionalizzati). Germania scalzata dalla prima posizione anche per crescita del surplus commerciale (+9,5 miliardi di euro contro +7,3), che registra il record assoluto di 51,6 miliardi di euro.

 

Ottima chiusura d’anno per l’export italiano: nel 2016, l’Italia batte la Germania e si piazza al primo posto per tasso di incremento delle esportazioni (+1,8% su base annua contro il +1,0% della Germania), raggiungendo un valore, nei dati destagionalizzati, di 418,5 miliardi di euro.

Stesso risultato anche in termini di crescita dell’avanzo della bilancia commerciale (+9,5 miliardi di euro contro +7,3 del competitor tedesco), che raggiunge la cifra record di 51,6 miliardi di euro.

Nonostante la lieve flessione dell’ultimo anno (-1,2%), il Belpaese si conferma al secondo posto, tra i principali esportatori europei, per vendite al di fuori dell’Unione, con un valore di 184 miliardi di euro, performance migliore rispetto a quella dei cugini francesi (178,4 miliardi). Inoltre, solo nel mese di dicembre, l’Italia ha visto una crescita congiunturale del 4,0% del proprio contributo all’export dell’Unione verso i Paesi terzi.

“Il dato 2016 lascia intravedere, se il PIL come previsto salirà all’1,0%, un forte contributo dell’export alla crescita del Paese. Vendiamo meglio all’estero, come dimostra la crescita dei valori medi unitari, e acquistiamo di più e a prezzi più bassi dall’estero, crescendo anche come posizione nelle catene globali del valore, sicuramente segno di una strategia di posizionamento delle imprese italiane che sta dando risultati importanti”, sottolinea Gaetano Fausto Esposito, Segretario Generale di Assocamerestero, commentando i dati Istat sul commercio estero diffusi oggi.

A livello settoriale, rallenta il ritmo di crescita della meccanica (+0,2% contro il +2,2% del 2015), settore leader dell’export italiano con una quota del 18,4%, mentre i comparti che sperimentano il maggior incremento delle vendite rispetto allo scorso anno sono: mezzi di trasporto, esclusi gli autoveicoli (+3,1 punti percentuali), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+2,4 p.p.) e metalli di base e prodotti in metallo (+2,1 p.p.).

Giappone (+9,6%) e Cina (+6,4%) guidano la classifica dei Paesi a maggior incremento dell’export nel 2016. In Europa, ai primi posti Repubblica ceca (+6,4%) e Spagna (+6,1%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »