arsial

Dematerializzazione dei registri vitivinicoli: l’incontro formativo a Roma

Giu 24 • PRIMO PIANO, SAPORI • 421 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Ha avuto luogo il 23 giugno a Roma, presso la sede dell’Arsial il seminario rivolto alle cantine del Lazio e agli operatori del settore vitivinicolo sulla dematerializzazione dei registri vitivinicoli.

Il provvedimento avviato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con il Decreto Legislativo 91/2014 “CAMPO LIBERO” e con il successivo Decreto Ministeriale 293/2015, rappresenta un passo importante verso la semplificazione e la razionalizzazione dei procedimenti amministrativi dell’azienda vitivinicola. La misura consentirà l’eliminazione dei registri cartacei compreso gli adempimenti connessi come la vidimazione.

Ciò consentirà anche agli organi di controllo la consultazione a distanza e la possibilità di effettuare le verifiche senza necessariamente recarsi in azienda con una notevole riduzione dei costi per la Pubblica Amministrazione e uno sgravio delle incombenze per gli imprenditori.

L’incontro si è aperto con i saluti istituzionali dell’ Amministratore Unico Arsial Antonio Rosati; del direttore Generale Stefano Sbaffi e di Claudio Di Giovannantonio, Dirigente Area Tutela risorse vigilanza e qualità delle produzioni.

Hanno fatto seguito poi gli interventi dell’ICQRF, a cura di: Roberta Capecci e Marco La Rocca (Presentazione Attività ICQRF) , Adriano Angilletta (Cenni sulla normativa sulla tenuta dei registri vitivinicoli), Romeo Vanzini – SiN e Adriano Angilletta (Illustrazione della piattaforma telematica del registro di carico e scarico vitivinicolo).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »