Il mercato dei server nel terzo trimestre 2015

Dic 4 • PRIMO PIANO, TECNOLOGIA • 760 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Il mercato server cresce in valore del 7,5 percento complessivamente, ma le fluttuazioni valutarie rendono poco omogenea la crescita

 

di Ettore Mazzitelli, corrispondente da Milano per IP Magazine

 

Le stime Gartner indicano che il terzo trimestre 2015 è stato a livello mondiale un trimestre positivo per il mercato dei server: è cresciuto in volumi del 9,2% anno su anno e in valore del 7,%, anche se non tutte le aree geografiche si sono mosse con la stessa velocità. Questo fatto è da attribuire più alle fluttuazioni dei cambi che a un diverso interesse dei mercati locali.

In uno scenario complessivamente positivo, spiccano infatti le flessioni in valore dell’Europa Orientale (-5,8%), del Giappone (-11,7%) e dell’America Latina (-24,2%). Da segnalare invece in positivo il dinamismo del settore Asia-Pacifico, cresciuto del 23,8% in unità vendute e del 25,4% in fatturato. Certamente la Cina è stata la protagonista di queste performance.

Considerando il mercato in valore, HP guida la classifica dei produttori, con una quota di mercato del 27,3%. Seguono Dell (17,9%), IBM (9,8%), Lenovo (7,9%) e Cisco (6,6%). Tutti i vendor Top 5 segnano una crescita in valore, tranne IBM per via della cessione dei server x86 a Lenovo, che infatti ha registrato una notevole moltiplicazione del suo fatturato.

IBM resta ora una sorta di anomalia: fa pochi volumi (non è nella top 5 per unità vendute, ad esempio) ma in proporzione molto fatturato perché il suo business si basa sempre più sulla vendita dei mainframe, peraltro in crescita del 15% in valore mentre i modelli RISC sono in leggera flessione (-3,%).

Per quanto riguarda i volumi di mercato, la situazione è invariata per i primi due posti della Top 5: guida HP con il 22,2 % di market share e segue Dell al 18,1%. Al terzo posto c’è Lenovo (8,8%), seguita dai produttori cinesi Huawei (4,9%) e Inspur (3,6%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »