Skin ADV

Vinitaly_IN MOSTRA LA CANTINA DEGLI ORRORI: ECCO PIRATI DEL VINO MADE IN ITALY

Apr 11 • PRIMO PIANO, SAPORI • 545 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

La cantina dell’orrore è stata presentata stamattina al Vinitaly nello stand della Coldiretti nel Centro Servizi Arena per denunciare i nuovi e incredibili casi di contraffazioni e imitazioni dei nostri vini piu’ prestigiosi, ma anche gli escamotage messi in atto dai furbetti del vino. che saranno esposti al pubblico.

Un focus speciale sarà dedicato al moltiplicarsi delle imitazioni del Prosecco che, dopo essersi classificato come il vino italiano piu’ venduto nel mondo, è anche diventato la vittima principale dei falsari internazionali.

Nell’occasione il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ha presentato con il presidente dell’osservatorio Agromafie Gian Carlo Caselli  il Dossier su “Frodi in Italia e vinopirateria nel mondo” con la prima analisi numerica del fenomeno nel 2015 e  le azioni di contrasto messe in atto.

Lo stand Coldiretti sarà arricchito ogni giorno da iniziative diverse e dopo lo spazio dedicato alle frodi e agli inganni domani martedì 12 aprile sarà in mostra la prima “Top ten dei vini piu’ venduti in Italia”. Tutti i giorni nello stand Coldiretti è attiva la banca dati “Job in Country”, punto di incontro tra domanda ed offerta di lavoro, attraverso un portale in cui sia chi cerca lavoro che l’azienda che ha necessità di personale possono interfacciarsi per entrare in contatto, selezionandosi sulla base di analogie e peculiarità di ciascuno mentre Creditagri Italia, la “finanziaria degli agricoltori italiani”, mette in contatto impresa e credito con incontri “be to be” tra visitatore e professionisti. Una specifica consulenza aziendale nel settore del vino potrà essere fornita fornita dal Centro di Assistenza Agricola (CAA) della Coldiretti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »