Skin ADV
incentivi imprese

Incentivi sui beni strumentali delle imprese: da quest’anno vi rientrano anche pc e flotte aziendali

Mag 30 • NEWS PRO, PRIMO PIANO • 399 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Incentivi per gli investimenti delle imprese: l’ammortamento del 140% sui beni strumentali – una delle novità della Legge di Stabilità 2016 – riguarda anche pc e flotte aziendali (che rientrano nella generica definizione di “beni strumentali”. La precedente detassazione riguardava invece solo alcune spese, come ad esempio, quelle per i beni di cui alla divisione 28 della tabella ATECO, nel caso del precedente credito d’imposta per i nuovi investimenti. L’agevolazione riguarda anche beni inferiori ai 516,46 euro, come chiarito dalla circolare n. 26 dell’Agenzia delle Entrate del 26 maggio 2016, che fa il punto sugli incentivi di cui all’articolo 1, commi 91-94 e 97, della legge n. 208 del 2015.

Detassazione 2015-2016

Il superammortamento si applica agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi, acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016. Di fatto, la misura si applica alle voci di costo di imprese e professionisti nel quarto trimestre 2015. I nuovi incentivi non producono invece effetto sulla determinazione dell’acconto per il periodo d’imposta 2015. Si calcola l’intero investimento (non l’eccedenza rispetto all’anno prima). Sono agevolabili anche gli acquisti di imbullonati (macchinari fissi al suolo), impianti fotovoltaici assimilati ai beni mobili (che hanno coefficiente di ammortamento al 9%). Se però l’impianto fotovoltaico è assimilato a un bene immobile, niente superammortamento.

Esclusioni

Esclusi dagli incentivi anche gli acquisti di fabbricati e costruzioni, i beni per i quali sono stabiliti nel Decreto ministeriale 31 dicembre 1988 coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%, le condutture utilizzate da industrie di imbottigliamento di acque minerali, stabilimenti balneari e termali e per la produzione e distribuzione di gas naturale, il materiale rotabile, ferroviario e tranviario e gli aerei completi di equipaggiamento. La legge prevede esplicitamente gli incentivi 2016 per i beni strumentali: sono esclusi quindi anche beni merce e materiali di consumo.

Flotte aziendali

Il superammortamento al 140% riguarda le auto aziendali ad uso esclusivo (ad esempio, l’auto per una società di noleggio o per un tassista) e date in uso promiscuo a dipendenti, agenti e rappresentanti di commercio. Per i veicoli utilizzati diversamente, purché rientranti nell’ambito dell’articolo 164, comma 1, lettera b, del Tuir (Testo unico imposte sui redditi) per i quali la deduzione è al 20%, l’incentivo in Legge di Stabilità consente di elevare del 40% i limiti rilevanti per la deduzione delle quote di ammortamento.

Il superammortamento per gli investimenti è una delle misure del pacchetto imprese della Legge di Stabilità 2016, insieme al taglio IRES anticipato in parte al 2016 grazie al via libera europeo sulle clausole di flessibilità di bilancio, all’eliminazione IMU agricola, IMU imbullonati, IRAP agricoltura e pesca, al bonus assunzioni, alla detassazione del salario di produttività. Per i professionisti, nuova riforma del Regime dei Minimi, con aliquota al 15%, ma tetti di redditi alzati, in particolare per i professionisti, che rientrano fino a 30mila euro annui di fatturato (dai 15mila del 2015).

Fonte: www.pmi.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »