Skin ADV
  • 5G

Le normative per il 5G in Europa

Nov 12 • PRIMO PIANO, TECNOLOGIA • 624 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Specifiche 5G e standardizzazione normativa alla base dello sviluppo della rete 5G in Europa. Ce la farà il 5G per gli Europei di Calcio del 2020?

di Ettore Mazzitelli, corrispondente da Milano per IP Magazine

Mentre il mercato americano procede in maniera omogenea, l’Unione Europea fatica a trovare una legislazione unica che eviti la frammentazione dei mercati delle telecomunicazioni. L’industria delle TLC mobili europea soffre di un ritardo rispetto al resto del mondo occidentale. La leadership europea durante il periodo del GSM è solo un ricordo, visto che per avere un 5G forte deve avere una rete 4G ben sviluppata.

Parte così l’iniziativa “Winning Europe”, con l’obiettivo di fare in modo che lo sviluppo degli standard futuri del 5G prenda in considerazione i progressi fatti in Europa, Asia e Nord America. “Noi stiamo lavorando con poli di ricerca distribuiti in tutte le aree geografiche, in Europa, Cina e Usa – spiega Mazzocchini, di Nokia Networks Italia – e stiamo sviluppando progetti con operatori diversi, tra cui China Mobile, Deutsche Telekom, Ntt Docomo, Korea Telecom, in modo da rendere la tecnologia più matura e omogenea possibile”. Inoltre, Nokia Networks presiede la 5G-PPP Association per lo sviluppo di progetti innovativi che ad oggi ha imbastito solo tavoli di definizione, ma che dal prossimo anno inizierà concretamente il lavoro sugli standard.

Un’urgenza che parte dall’assunto che l’industria delle telecomunicazioni mobili giochi un ruolo vitale nel processo di innovazione in Europa, contribuendo anche allo sviluppo economico e sociale. Il 5G in questa visione sarà infatti il sistema di rete del futuro, dell’Internet Of Things, che connetterà più di 50 miliardi di dispositivi entro il 2025 e che sarà presente in tutti i sistemi industriali e quotidiani, dagli impianti di produzione fino alla vita connessa dei cittadini.

Il 5G, grazie a larghezza di banda, affidabilità e bassissima latenza, integrerà in un unico sistema le tecnologie radio esistenti e le future reti avranno così un sistema radio versatile, un nucleo flessibile e una rete di trasporto che potrà raggiungere i 10 GBps se necessario, fino a 100MB/s al terminale e 1 MS di latenza per applicazioni critiche.

Gli Europei di calcio del 2020, che coinvolgeranno gli stadi presenti in 13 diverse nazioni europee dove si disputeranno le partite, potrebbero essere l’evento mediatico che testimonia il lancio del 5G coordinato dal punto tecnologico e normativo. Gli eventi sportivi non sono un caso nel lancio di queste nuove onde tecnologiche: le Olimpiadi invernali in 2018 in Corea sanciranno il lancio della rete commerciale 5G da parte di KT Telecom, così come le Olimpiadi di Tokio del 2020 saranno il traguardo per la giapponese NTT Docomo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »