Skin ADV
ramponi

Premio Ramponi: il fashion designer Alberto Zambelli è il vincitore della prima edizione

Feb 3 • Moda, NEWS PRO • 574 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Alfredo Ramponi, titolare dell’omonima azienda e inventore del primo cristallo sintetico, ha voluto dare vita a questo premio rivolto a designer di moda e accessori al fine di sostenere e incentivare la ricerca e la progettualità nell’ambito della moda femminile e dando forza ad uno stilista in uno dei passaggi essenziali e al contempo più delicati: l’esposizione fieristica e la campagna vendita.

Il designer Alberto Zambelli – che sfilerà a Milano Collezioni il prossimo 28 Febbraio presso piazza Duomo scalone Arengario alle ore 9.30 – esporrà le proprie creazioni in uno spazio speciale a lui interamente dedicato in Via Tortona 35 durante l’edizione donna del Salone White, che aprirà le sue porte a Milano il prossimo dal 27 fino a lunedì 29 Febbraio.

Su Alberto Zambelli

Vive e lavora fra il lago di Garda, Milano, Tokyo e Shanghai.
Dopo aver frequentato l’istituto Fortuny e successivamente l’istituto Marangoni di Milano inizia il suo percorso lavorativo sviluppando le collezioni maglieria del gruppo Itierre per le linee D&G, Versace ed Extè. In seguito collabora con importanti aziende italiane di prét-à-porter donna nelle quali segue, oltre alla parte creativa, anche lo sviluppo delle collezioni coordinando l’area prodotto. Nel 2007 vince il concorso Fashion Incubator indetto da CNMI e fonda la sua prima maison “Archivio Privato”. Negli anni successivi grazie alla visibilità ottenuta stringe importanti collaborazioni con gruppi asiatici. Per il Giappone è direttore creativo di un sofisticato brand prodotto in Italia e distribuito in esclusiva per il mercato giapponese. In Cina è alla direzione creativa di un Brand donna di alto pret-a-porter distribuito in numerosi negozi monomarca in forte espansione sul territorio Asiatico. Nel 2013 fonda il Brand omonimo riconoscibile per il suo stile minimal decorativo fatto di linee pulite ed architettoniche, l’utilizzo di materie nobili e dettagli preziosi.

Il marchio vincitore è stato votato da una giuria di esperti del fashion tra cui spiccano i nomi di Mario Boselli, Presidente Onorario Camera Nazionale della Moda, Michela Gattermayer, Vice Direttore Moda del magazine Gioia!, Cristina Manfredi, Caposervizio Vanity Fair, a quello del designer internazionale Philipp Plein e della buyer Roberta Valentini owner dei negozi Penepole Stores e Boysloft di Brescia e degli stessi Alfredo Ramponi, titolare dell’azienda promotrice del concorso, e Massimiliano Bizzi, fondatore di White. Tra i votanti non manca la stampa trade rappresentata da Lorenzo Galliera, editore di Showdetails e Nuova Libra che attraverso le sue testate è anche media partner del Premio.

Sull’azienda

Nel 1988 Alfredo Ramponi eredita l’azienda del padre, un’eccellenza nella lavorazione di articoli di materiale plastico e, grazie all’incontro con lo svizzero Marcus Hotto Schmid, commerciante nel settore della bigiotteria, dà inizio alla sua nuova avventura. La passione per il mondo delle pietre e dei minerali consente a Ramponi di realizzare in breve tempo il primo cristallo sintetico, così chiamato per l’utilizzo di plastiche nobili e per la sua capacità di riflettere tutte le caratteristiche del vetro.Nel corso degli anni l’azienda investe in nuove tecnologie e si specializza anche in lavorazioni al laser e borchie graffate che le permettono di conquistare le più grandi e prestigiose griffe di prét-à-porter e haute couture.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »