Smartphone: il 3Q migliore per le vendite

Nov 2 • PRIMO PIANO, RUBRICHE, TECNOLOGIA • 619 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Il terzo trimestre 2015 è stato uno dei migliori in assoluto per le vendite di smartphone, con i principali costruttori che fanno tutti segnare una crescita secondo il rapporto IDC


di Ettore Mazzitelli, corrispondente da Milano per IP Magazine

 

Mentre i tablet hanno un po’ il fiato corto in una fase che sembra di transizione verso nuove concezioni di “tavoletta”, per gli smartphone il barometro delle vendite resta sul bello stabile. I volumi di vendita del terzo trimestre 2015 sono pari a 355,2 milioni di unità vendute, rappresentando una crescita del 6,8% rispetto allo scorso anno e il secondo miglior trimestre in assoluto.

In quanto ai risultati dei principali vendor, non ci sono grandi sorprese anche perché il mercato va consolidandosi intorno ai produttori che hanno saputo conquistare già importanti fette di mercato (Samsung e Apple) o che possono basarsi sul principale bacino di utenza potenziale, ossia la Cina (Huawei, Lenovo, Xiaomi). I produttori della “top 5” sono tutti in crescita.

Samsung nel trimestre ha potuto contare sulla spinta dei modelli premium (Galaxy S6 Edge+ e Note 5), ma anche dei modelli a basso costo. Apple ha sfruttato la spinta dei nuovi iPhone 6S e 6S Plus, che in USA e Cina hanno convinto sia chi voleva aggiornare modelli precedenti sia alcuni utenti Android. Forte crescita per Huawei in Cina e in Europa grazie alle vendite dei modelli di fascia media ma con un buono spunto nella fascia medio-alta di Honor 6 Plus e Ascend P8.

Bene anche Lenovo, che combina la forza degli smartphone a brand Lenovo in Cina e l’importanza del marchio Motorola in America, e Xiaomi, che cresce in Cina e nei mercati emergenti di Sudest Asiatico, India, Brasile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »