Skin ADV

Sorsi e Morsi: se essere attore è già impegnativo… come sarà essere un RistorAttore ?

Gen 14 • LE INTERVISTE, PRIMO PIANO, SAPORI • 1651 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Ne parliamo con Claudio Corinaldesi, attore, regista di teatro e chef, titolare di un originale e raffinato ristorante a Sabaudia, lo ricordiamo nei panni del L’Africano Killer nella Serie Gomorra trasmessa da Sky e/o nel ruolo dei Gemelli Castillo ne La Nuova Squadra Spaccanapoli.

Tutti lo conoscono nei panni del cattivo, inoltre, come disse in occasione della presentazione del cortometraggio che diresse – Buon compleanno Sally – in Italia si seguono molto gli stereotipi, se ti approcci a questo mondo nel ruolo del cattivo interpreterai sempre il mafioso o il poliziotto per cui serve un viso da duro e da cattivo.

Una sera, dopo aver sentito molto parlare del suo locale siamo andati per provare i suoi piatti rimanendo piacevolmente colpiti, erano davvero ottimi, talmente tanto da volerlo intervistare. L’accoglienza è stata delle migliori, con una battuta ci ha messi subito a nostro agio dimostrandosi una persona molto a modo e simpatica, assolutamente l’opposto di quello che il suo viso può far trasparire.

Più che un’intervista, è stata una chiacchierata sul suo essere un “RistorAttore” – parola coniata direttamente da lui. Circa un anno fa Claudio decide di riscoprire un’altra forma d’arte che lo lega alla Nonna da quando era piccolo, la passione per la Cucina, aprendo un ristorante davvero grazioso al centro di Sabaudia, Sorsi e Morsi, frequentato da volti noti nel mondo dello spettacolo e dello sport come Ilary Blasi, Ricky Tognazzi, Massimo Ferrero.
La prima domanda che a chiunque verrebbe da fargli è: “Data la tua carriera da attore e regista di teatro, molto attiva, come fai a conciliare la recitazione con la  ristorazione? C’è una delle due che prediligi?”.
Per Claudio questi due mondi sono come due figli, completamente diversi ma che ama allo stesso modo, a cui dedica tutto se stesso.
La sua carriera nella ristorazione risale a circa 30 anni fa, essendo stato per molti anni aiuto cuoco in un importante Ristorante di Latina.

Nonostante abbia collaborato con grandi Chef, alla domanda: “Nella tua formazione c’è stato uno chef stellato da cui hai preso ispirazione o da cui hai fatto scuola?” lui, in modo molto umile, risponde di essere cresciuto con la Nonna, la quale era una cuoca straordinaria e che considera la sua “Chef” stellata per eccellenza. Nella cucina come nella recitazione bisogna seguire molte regole le quali sono la base del Buon Vivere e sono necessarie er far sì che le cose nel tempo possano solo migliorare. “Noi siamo ciò che mangiamo”- una “regola” nella cucina che Claudio Corinaldesi porta nel suo locale è la scelta di prodotti biologici a km zero, come il vino biologico locale, pasta, dolci fatti in casa, utilizzando ingredienti di prima scelta a partire dall’olio extravergine di oliva al pesce fresco, fino ad arrivare al tartufo nero pregiato, ciò rappresenta un’ottima base per rendere i piatti squisiti e diversi ogni giorno.

Per mesi si è parlato di Expo e cucine internazionali. “Oltre a quella italiana, c’è una cucina estera che ti intriga e che reputi molto vicina alla nostra per qualità e gusto delle pietanze?”. Inizialmente la risposta ha un nonché di patriottico, ritenendo che nessuna cucina sia come la nostra, poi riflettendoci l’unica che ritiene si possa avvicinare è quella spagnola. Difatti il martedì Sorsi e Morsi si veste con colori spagnoli organizzando il “Paella De Mariscos Day”, cucinando una paella talmente buona da far concorrenza all’originale.

Inoltre, per chi voglia seguire le sue orme interpretando una strada simile alla sua, per il nostro RistorAttore sono necessarie tanta pazienza, la perseveranza, l’audacia e, soprattutto, mai dubitare delle proprie capacità. Entrambi sono due lavori impegnativi e altalenanti, ma proprio per questo bisogna mettere se stessi ogni volta, solo così si riesce a fare la differenza.

Da provare gli scialatielli nero di seppia gamberi e pachino, crudo di champignon con melograna
e parmigiano grana padano, uovo al tegamino su crostone di pane con tartufo nero uncinato, il cheescake alla liquirizia.

Sorsi e Morsi

Piazzale Oberdan, 23

Sabaudia LT

Posti 25

e: sorsiemorsisabaudia@gmail.com

t: 0773 515468

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »