SVILUPPO ECONOMICO, ACCORDO ITALIA-MESSICO

Dic 12 • MONDO E MERCATI, PRIMO PIANO • 836 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Siglato un importante protocollo tra Confindustria Latina ed il Governo dello Stato di Durango. Marini: “Conquistiamo un nuovo mercato con le nostre eccellenze produttive”

 

Sul finire del mese di novembre, presso l’Ambasciata del Messico a Roma, si è svolta la presentazione dello Stato di Durango del Messico, che si è conclusa con la firma sul protocollo d’intesa tra il Governatore Jorge Herrera Caldera ed il Presidente di Confindustria Latina, Paolo Marini. Il protocollo ha visto la luce perchè il Governo di Durango vuole iniziare un processo di sviluppo economico, attraverso una maggiore industrializzazione del proprio Stato, rafforzando i settori produttivi storici quali base dell’economia locale, e definendo una politica di sviluppo sostenibile mediante il rafforzamento della presenza straniera diretta. Tutto questo, realizzando sinergie tra organizzazioni istituzionali, sia pubbliche private, e le imprese. Confindustria Latina è stata identificata quale partner ideale per il raggiungimento di questi obiettivi. In Italia, collaborerà con l’ufficio di rappresentanza del Governo dello Stato di Durango per favorire e promuovere le relazioni economiche tra le imprese pontine e quelle messicane, special modo nei settori agroalimentare, enologico, ambientale ed energetico, chimico e farmaceutico, delle infrastrutture e delle costruzioni, estrattivo e dei materiali per la costruzione, metalmeccanico, sanitario, dei servizi avanzati e del turismo. “Il mercato sta cambiando, la crisi ha imposto un’accelerazione nei processi di internazionalizzazione, e le nostre imprese sono chiamate a rispondere velocemente – ha spiegato il Presidente di Confindustria Latina, Paolo Marini -. Il Messico, e in particolare lo Stato di Durango, è una realtà in espansione che dobbiamo essere capaci di conquistare con le nostre eccellenze produttive, che, non va mai dimenticato, sono ancora molto apprezzate all’estero, forse più che in Italia”. Un proficuo canale di dialogo e business è stato aperto. “Sono certo – ha concluso Marini – che porterà notevoli vantaggi per tutte le parti coinvolte”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »