WHITE MILANO 2014 – La rassegna internazionale della moda contemporary – 20-21-22 settembre

Set 11 • Moda, PRIMO PIANO, REMINDER • 1413 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

«Un salone in continua crescita ed evoluzione che si contraddistingue per la qualità, la sperimentazione e l’attenzione ai nuovi linguaggi espressivi» cosi commenta l’assessore alla Moda e Design del Comune di Milano Cristina Tajani che prosegue: «Con i suoi 453 espositori internazionali White dimostra come sia vivo l’interesse negli operatori italiani ma soprattutto stranieri nello scegliere Milano quale miglior vetrina per presentare le proprie creazioni».

Con le sue tre location di Via Tortona 27, 35 e 54, WHITE MILANO si conferma quale punto di riferimento internazionale per la moda contemporary attendendo oltre 17mila visitatori. Numerosi sono i brand che, anche per questa edizione, scelgono le aree speciali di White per proporre le loro ultime collezioni. Il lavoro incessante di scouting (sono 155 le new entry), rinnova l’interesse degli addetti ai lavori per la manifestazione patrocinata dal Comune di Milano.
La rassegna è, infatti, fucina di idee per i nuovi linguaggi della moda e della comunicazione e grazie al suo brandmix di respiro internazionale, offre ai buyer di tutto il mondo un’attenta e inedita selezione di label nel settore dell’abbigliamento e degli accessori contemporary.
Tra le novità di questa edizione, lo special guest è il marchio belga Filles à Papa, distribuito nelle migliori boutique e department store del mondo per lo stile del suo mix-and-match easy-to-wear di grande tendenza. Caratteristica del brand, anticonformista e irriverente, è il perfect fit dei singoli pezzi che si possono abbinare con estrema facilità per creare look sempre nuovi, dominati dalle paillette all over.
Sempre dall’estero, per la prima volta in Italia, arrivano dal Giappone le sneakers Losers e le sciarpe Suzusan, mentre partono da Parigi le calzature glamour di Paris in Paris. Una presentazione speciale riservata alla stampa e ai buyer, è fissata il 20 settembre per il debutto della collezione vintage-glam firmata Giuliette Brown & Filippa Lagerback. Tra le news italiane spicca la presenza di Ermanno Gallamini brand creato nel 2013 dal designer-artigiano Angelo Gallamini che svela a White mantelli, coperte, cappelli, papillon, cravatte e gilet, realizzati con tessuti di alta gamma lavorati con criteri artigianali. In grande affermazione anche la collezione della giovane Virginia Bizzi che, con sguardo attento, si avvicina allo streetwear realizzando la sua seconda capsule, giocosa e d’impatto. Debutto in perfetta contemporary identity per AVN, la sporty-capsule di Gianfilippo Gherardi che presenta solo a New York City e a White Milano il suo nuovo progetto human price.

TORTONA 27
Tortona 27 schiera 206 marchi dell’avanguardia fashion, oltre alle numerose aree speciali. Si comincia dal brand berlinese di abbigliamento e accessori The Loser Project, per proseguire con la collezione easy chic di Collection Privée?, le raffinate sciarpe dell’italianissimo Faliero Sarti fino all’ eleganza austera e minimalista del brand milanese Labo.Art.
Tra le aree speciali riconferma la sua presenza il londinese Six London Showroom che ha scelto per White il meglio della moda di ricerca internazionale, rappresentato da brand del calibro di Markus Lupfer Footwear, di Opening Ceremony Footwear di Carol Lim e Humberto Leon e di Preen by Thornton Bregazzi, la linea di abbigliamento e accessori amata da Gwyneth Paltrow e Michelle Obama. Innovative anche le collezioni Swear London, Thakoon Addition, B Store e Toga Pulla Footwear.
Ritorna per la seconda edizione consecutiva Ad  Ann Demeulemeester, la linea di calzature creata dall’affermata designer della Scuola di Anversa, che presenta a White le novità per la p/e 2015.
Special project per Hettabretz, lo storico marchio haute de gamme di abbigliamento donna e uomo, che sottolinea la sua forte identità made in Italy con un nuovo progetto audiovisivo
sull’eleganza femminile, tra passato e futuro.
A.I. Artisanal Intelligence seleziona per White alcuni tra i più interessanti progetti avantgarde, come quello di Ludovica Amati con la sua collezione colta e raffinata ispirata alla kabala, il brand Miss Gummo con i suoi cappelli handmade realizzati seguendo tempi e metodi della modisteria d’antan.

Il BASEMENT, spazio espositivo underground vede il ritorno di Barbara Alan, la linea di abbigliamento minimal-british e la riconferma di Dimissianos & Miller, che propone una rivisitazione contemporanea del sandalo greco tradizionale. Presente ancora una volta I Brigu con i suoi foulard vintage, Ilaria Soncini vincitrice del premio INSIDE WHITE nel settembre 2013 con il marchio Ilariusss, il designer Lucio Vanotti con i suoi outfit senza tempo. Di nuovo al Basement le calzature siglate O.X.S. Rubber Soul e Peter Non.
La REDMILK ROOM è divisa in due aree tematiche: Surf Attitude e Trend Attitude. La prima è dedicata al surf con Seea, l’etichetta californiana tra le più amate per il suo swimwear; il marchio di occhiali Sunettes, distribuito in tutti i più noti top shop e le borse The Saline Reliques, create da un team di surfisti italiani che ha scelto White per il suo esordio sul mercato.
L’area Trend Attitude vede protagonisti i gioielli di Andy Lifshutz Jewelry e direttamente da Copenhagen arriva la coloratissima collezione di abbigliamento e accessori Stine Goya che ha al suo attivo circa 90 punti vendita worldwide.
Confermata, nella stessa area, la collaborazione artistica con Fabiola Di Virgilio, direttrice e founder di Redmilk, che realizzerà per WOW – White on Web contenuti editoriali che saranno pubblicati in rete dalla testata e sui social network.

TORTONA 54
Tortona 54, Ex Ansaldo, è la location dedicata al mondo casualwear e sportswear. Con i suoi 165 marchi, l’area di circa 5mila metri quadrati accoglie interessanti progetti di giovani designer.
Come il focus sulla nouvelle vague coreana, messo a segno da White insieme al partner trend watcher IFP (Interfashion Planning Showroom) per le collezioni Alogon, Wnderkammer, Mosca e Workwear, insieme agli accessori siglati Bcd Korea, Efluvi e Jina in NY.
Tra le special area spicca quella del marchio veneto Rude Riders che svela in rassegna una new collection ispirata al mondo delle moto; Walker by Fiorentini espone una linea di calzature che riprende il mood delle scarpe utilizzate nei cantieri americani e dai militari, mentre Camperos by Fiorentini propone la sua nuova shoes collection in pelle lavorata a mano. Area speciale anche per Un-namable, brand di abbigliamento disegnato dall’italo-giapponese Eita Nakamura che per la primavera-estate 2015 concentra il suo stile molto femminile sul design futurista.

Nella stessa location ritorna INSIDE WHITE, la sezione dedicata alle giovani aziende allo start up. Come quelle dell’anglo-italiana Ada di Vincenzo e di Jennifer De Bruycker, che presenta le sue
maglie realizzate con combinazioni di filati sorprendenti. Un altro esempio di alto artigianato è la collezione di Jimi Roos, il designer di origini svedesi, cresciuto professionalmente in Italia. Must-
have per la p/e 2015 sono le t-shirt su misura.

«I numeri del salone dimostrano che, anche in un periodo come questo, la formula di White è vincente sotto ogni profilo» dichiara Massimiliano Bizzi, presidente e fondatore della rassegna milanese «e i nuovi progetti nati dalla collaborazione con la Camera Italiana dei Buyer moda, in stretta connessione con il Comune di Milano, accrescono il nostro ottimismo per il futuro».

 www.whiteshow.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »