LOADING

Type to search

Marketing Moda Primo piano Web & Social

Spot: inclusione, diversita’ e apertura nel nuovo spot Barilla in collaborazione con GCDS

Redazione Ott 10
Share

Le collaborazioni tra marchi e designer non sono una novità, ma la partnership tra il brand streetwear GCDS e il più grande produttore di pasta al mondo Barilla è certamente inaspettata.
Le due aziende hanno unito le loro forze all’inizio di quest’anno con una capsule collection di felpe e berretti che ora si traduce nel lancio di una vera e propria campagna pubblicitaria che celebra l’essere italiani.

Lo spot Barilla e GCDS, dal titolo “Dinner’s Ready“, racconta una storia semplice, quella di diverse persone che da punti differenti di una città americana e con modalità varie arrivano nella stessa stanza, dove ad aspettarli a una grande tavolata per la cena c’è Sophia Loren.

 

L’idea? «Ho semplicemente riproposto la quotidianità della mia tavola da pranzo intrisa del mondo GCDS, fatta di una routine ricca di incontri divertenti e inaspettati» , e molti riferimenti al Made in Italy, che il pubblico sarà in grado di vivere attraverso il viaggio che sia Sophia che Giuliano hanno iniziato a Napoli in metropolitana e che li ha condotti a Hollywood. «Quando ho dovuto immaginare chi scegliere per questo cameo, riflettendo su chiunque in tutto il mondo, non potevo letteralmente pensare a nessun altro che a lei: Sophia rappresenta l’icona per eccellenza dell’italianità, la “mamma d’Italia” che accoglie i vari membri della famiglia con un solo semplice messaggio che tutti gli italiani hanno sentito più volte: “E’ pronto!». Verissimo. Lo spot divertente che celebra lo spaghetto numero 5 del pastificio, che per l’occasione si tinge di un pack rosa acceso, è affiancato, nel progetto, anche da una serie di capi in perfetto stile GCDS, ovvero felpe, con cappuccio e maxi logo, cappellini in lana, e calzettoni di spugna.

Se il target principale dell’operazione di rebranding di Barilla non è probabilmente ben colpito e raggiunto da questo spot, non si può però non dare a questo filmato pubblicitario anche una lettura diversa, quella di una sorta di “rito di passaggio” che consegna il vecchio brand alle nuove generazioni.

 

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *