AUSTRALIA E GIAPPONE: LE OPPORTUNITÀ PER L’EATALIAN BIO A CIBUS

Mag 5 • Expo, MONDO E MERCATI, PRIMO PIANO • 1039 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Ai nastri di partenza il Progetto “Eatalian Bio – Promozione del bioalimentare italiano in Australia e Giappone“, promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero in collaborazione con la Italian Chamber of Comemrce and Industry in Australia (CCIE di Sydney) – che si coordinerà con le CCIE di Adelaide, Brisbane, Melbourne e Perth – e la Italian Chamber of Commerce in Japan (CCIE di Tokyo) per promuovere i prodotti biologici italiani su due mercati dinamici e in forte sviluppo per il settore come l’Australia e il Giappone. In occasione di Cibus – il più importante Salone dell’alimentazione italiana – mercoledì 7 maggio p.v. alle ore 12.00 nella Sala Workshop del Padiglione 4 il Seminario “Eatalian Bio”: destinazione Australia e Giappone per i prodotti italiani”, durante il quale le CCIE di Sydney e di Tokyo presenteranno le opportunità che questi due mercati offrono alle aziende italiane. Inoltre, per tutta la durata della manifestazione, gli addetti ai lavori e le aziende interessate a conoscere le diverse fasi del Progetto potranno prendere contatto con i rappresentanti delle CCIE presso lo stand dedicato all’iniziativa (Padiglione 7, stand K035). Diverse le iniziative promozionali previste dal Progetto: oltre alla partecipazione alle principali manifestazioni fieristiche di settore – Cibus (Parma, 5-8 maggio 2014) e Sana (Bologna, 6-9 settembre 2014) – per presentare le opportunità Paese, nel periodo luglio-ottobre verrà realizzato un tour promozionale in Australia e Giappone, mentre a settembre si terrà un incoming in Italia di operatori (importatori, distributori, buyers, ristoratori) e stampa specializzata australiani e giapponesi, che avranno modo di conoscere le eccellenze del territorio e incontrare le aziende produttrici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »