LOADING

Type to search

Zoom Fatigue, ecco perche siamo piu’ stressati

Marketing Primo piano PRIMO PIANO Tecnologia

Zoom Fatigue, ecco perche siamo piu’ stressati

Share

di Francesco Medici web editor

Partiamo subito con dei numeri alla mano , ci sono 8 milioni e 359 mila  lavoratori dipendenti italiani potenzialmente occupabili con lo smart working. Questo è il dato riportato nello studio della fondazione Consulenti del Lavoro, pubblicato in data 26 febbraio 2020, prima che la pandemia da Covid-19 colpisse ufficialmente l’Italia. 

Da allora il numero delle videoconferenze è schizzato alle stelle, da poco più di 25.000 utenti giornalieri di febbraio agli oltre 176.000 utenti di marzo, mese d’inizio del lockdown (fonte: statista.com). Da qui la nascita del nuovo termine “Zoom fatigue”.  

Passiamo ore e ore in riunione non è una novità. Il numero di videoconferenze è aumentato in brevissimo tempo e sin da subito è divenuto chiaro come queste possano addirittura causare un tipo di stress nuovo, particolarmente estenuante. I sintomi di questa patologia, sono molto più di un semplice esaurimento. I sintomi menzionati sono i seguenti sintomi:  

Difficoltà di concentrazione 

Aumento di impazienza e irritazione 

Mal di testa e mal di schiena 

Dolori articolari e di stomaco 

Dei ricercatori della Stanford University hanno approfondito il fenomeno della cosiddetta ‘stanchezza da Zoom’, scoprendo che tende a colpire con più frequenza le donne. 

Ps! nel  prossimo articolo parleremo come il fenomeno dello stress da Zoom colpisca  piu’ le donne.  

Tags: