Secondo round di investimento per le ricette a domicilio di Quomi

Ott 31 • PRIMO PIANO, STARTUP, TECNOLOGIA • 253 Views •

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

La startup fondata nel 2015 da Andrea Bruno e Daniele Bruttini (entrambi ex Zalando) è già una realtà affermata nell’ambito del digital food italiano

 Quomi, la startup che per prima ha introdotto in Italia i meal kit per preparare le cene a domicilio, ha chiuso con successo il suo secondo round di investimento per un importo pari a 600.000 euro.

Dopo 250.000 euro raccolti nei primi 18 mesi di vita, che hanno visto tra i protagonisti anche l’incubatore di startup quotato Digital Magics, entrano a far parte della famiglia Quomi un gruppo di investitori privati di rilievo per il mercato italiano.

Il business model, quello dei meal kit, è già pienamente validato e diffuso a livello globale – si parla di un mercato da 5 miliardi di dollari nel 2017 in continua crescita – con player come Blue Apron negli Stati Uniti (quotato al NYSE) e Hello Fresh in Germania che superano già il miliardo di fatturato.

A conferma del trend positivo, Quomi ha attirato sin da subito l’attenzione dei grandi marchi del food italiano e non solo – Barilla, Perugina, Delicius e Caffè Vergnano hanno già collaborato con la startup – e continua a far parlare di sé con nuove partnership e prodotti innovativi in arrivo entro il 2018.

“Il nostro percorso finora è stato orientato a testare il mercato e il servizio, per capire quale problema dei nostri clienti stiamo risolvendo – dice Daniele Bruttini – Oggi, abbiamo la consapevolezza di aver costruito una catena del valore solida e scalabile con fornitori di primo livello per una società piccola come la nostra. Con questo aumento di capitale, abbiamo potuto completare il team con figure chiave e puntiamo  alla crescita sul mercato italiano grazie alle maggiori risorse per attività mirate di marketing e comunicazione.”

“Il miglioramento continuo e l’attenzione a ogni minimo dettaglio del servizio restano sempre due delle nostre priorità” – dice Andrea Bruno “Questo approccio customer-centric permea tutte le attività di Quomi, ed è possibile anche grazie alle sinergie costruite con i partner e, più in generale, con il network di fornitori di alta qualità scelti su tutto il territorio italiano”.

“Continuiamo ad affiancare Andrea e Daniele per lo sviluppo tecnologico e commerciale della piattaforma – dice Gabriele Ronchini, Fondatore e Amministratore Delegato di Digital Magics per il Portfolio Development – e l’ingresso dei nuovi soci rappresenta una conferma per il valore e l’innovazione del business. Quomi è una delle nostre 12 startup più promettenti, che abbiamo presentato al ‘Lugano IR Top Investor Day’”.

Come funziona

Quante volte ci siamo domandati “Cosa faccio da mangiare stasera?”. Quante volte ci sono mancati il tempo e la voglia di fare la spesa o abbiamo pensato “Mangio sempre le stesse cose, vorrei provare qualcosa di nuovo”? Quomi risponde esattamente a questa necessità: permette di provare ricette nuove e mangiare prodotti buoni e genuini, dando la possibilità di variare la propria alimentazione secondo i principi della dieta mediterranea. Il servizio prevede infatti di ricevere comodamente a casa un box con ingredienti freschi e predosati, pronti per essere usati. Ogni ricetta si ispira ai valori tipici della dieta mediterranea e i menù sono costruiti con la giusta combinazione tra carni rosse e bianche, pesce, verdure e cereali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInBuffer this pageEmail this to someone

Articoli Correlati

Comments are closed.

« »