LOADING

Type to search

Verona, meno tasse ai ristoranti con cucina tipica

Sapori

Verona, meno tasse ai ristoranti con cucina tipica

Redazione Feb 2
Share

Verona si dà alla resistenza culinaria, promettendo targhe al merito e sgravi fiscali ai locali tipici per proteggere il patrimonio gastronomico locale, così ha deciso Franceca Toffali, assessore del Comune di Verona, che negli scorsi giorni ha consegnato pergamene di riconoscimento a 7 ristoranti: Osteria Dogana Vecia, Osteria dal Cavaliere, Locanda Ristori, Bottega del Vino, Caffè Monte Baldo, Al Calmiere, Ristorante Scaligero. A questi si aggiungono altri sette esercizi, precedentemente premiati: Trattoria Tre Marchetti, Emanuelcafè, l’Osteria de la Renga, il ristorante Al Bersagliere, il ristorante Greppia, l’Osteria Verona Antica e l’Osteria Ai Osei.

Come riporta Il Corriere del Veneto, la Toffali ha proposto agevolazioni economiche per i 14 posti: una cospicua riduzione della tassa sui rifiuti, la famigerata Tari, particolarmente invisa ai ristoratori tutti. L’ipotesi, ancora in discussione, è di ridurre l’imposta fino al 50%;  le trattorie della tradizione pagherebbero il 10% in meno fin dalla loro apertura, e la metà dopo i primi dieci anni di lavoro, in un crescendo di sgravi. Costo dell’operazione? 50 mila euro, a carico del Comune.

Ma come vengono scelti questi locali, stimabili in quanto “veronesi DOC”? Li seleziona una commissione che coinvolge Confcommercio, Coldiretti, Ais, associazioni dei consumatori e chef locali. Gli esercizi, suddivisi in due categorie (ristoranti e osterie, trattorie e locande) devono attenersi a un regolamento molto preciso.

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *